Dialogue

Vocabulary

Learn New Words FAST with this Lesson’s Vocab Review List

Get this lesson’s key vocab, their translations and pronunciations. Sign up for your Free Lifetime Account Now and get 7 Days of Premium Access including this feature.

Or sign up using Facebook
Already a Member?

Lesson Notes

Unlock In-Depth Explanations & Exclusive Takeaways with Printable Lesson Notes

Unlock Lesson Notes and Transcripts for every single lesson. Sign Up for a Free Lifetime Account and Get 7 Days of Premium Access.

Or sign up using Facebook
Already a Member?

Lesson Transcript

I suoni di Venezia - parte 2
Venezia che parla le lingue- tutte le lingue del mondo s’incrociano a Venezia creando una ragnatela di suoni ritmata dal tubare dei colombi o dai loro isterici battiti d’ali. Il dialetto di Venezia e le canzoni, questo frastuono di voci umane che svanisce a mano a mano che si lasciano le vie maestre, che ci si allontana da Piazza San Marco e da Rialto per addentrarsi in una calle, tra due campielli dove l’aria è ovattata, dove anche i muri hanno orecchi, dove al pianto di un neonato fa eco il rimbombo del pallone che rimbalza contro il muro e il vociare dei ragazzini che giocano.
E dai ristoranti, dalle abitazioni, dai bar si diffonde nell’aria il tintinnio delle stoviglie sbattute una contro l’altra come fossero campanelle di cristallo in balia del vento. Anche di questi suoni vibra la voce di Venezia, di un’onda che accarezza una pietra, della pace di un canale rotta da una goccia che precipita all’improvviso dal cielo, dell’affondo del remo e dello strofinamento di una gondola sull’acqua, del cigolio delle corde che legano le barche alle briccole. Ed io, ancora in silenzio, procedo lasciando che il rimescolio dei miei pensieri e il fruscio dei miei passi non coprano il pulsare serafico di questa incantevole città.
Due ponti, una calle e si sentono le esercitazioni di pianoforte, di violino, di organo sgusciare languidamente dalle finestre spalancate, dai portoni mezzi aperti, dalle pareti delle chiese. La musica di Venezia è questa silenziosa armonia di suoni e rumori che accarezza l’udito, ma è anche l’angosciante e obsoleto urlo mattutino della sirena dell’acqua alta, lo sciabordio degli stivali di gomma che cavalcano la marea, lo squittio degli impermeabili di plastica indosso ai turisti e dei loro schiamazzi di stupore, mischiato al tuc tuc delle rotelline dei carrelli o dei bagagli che cozzano contro il marmo dei ponti.
E infine a regalare trasparenza alla voce di Venezia c’è il sordido sibilo della nebbia che sale fitta e che inghiotte il paesaggio accecando tutti e amplificando i suoni come in una scena del Nosferatu. Il cuore sobbalza perché la paura a Venezia è fatta di un buio reale, candido e quasi mistico, in cui la città sparisce alla vista, ma dove imperterrito riecheggia il brontolio sornione del mare.

Review Track

5 Comments

Hide
Please to leave a comment.
😄 😞 😳 😁 😒 😎 😠 😆 😅 😜 😉 😭 😇 😴 😮 😈 ❤️️ 👍

ItalianPod101.com Verified
Thursday at 06:30 PM
Pinned Comment
Your comment is awaiting moderation.

I suoni di Venezia - parte 2 Venezia che parla le lingue: tutte le lingue del mondo s’incrociano a Venezia creando una ragnatela di suoni ritmata dal tubare dei colombi o dai loro isterici battiti d’ali. Il dialetto di Venezia e le canzoni, questo frastuono di voci umane che svanisce a mano a mano che si lasciano le vie maestre, che ci si allontana da Piazza San Marco e da Rialto per addentrarsi in una calle, tra due campielli dove l’aria è ovattata, dove anche i muri hanno orecchi, dove al pianto di un neonato fa eco il rimbombo del pallone che rimbalza contro il muro e il vociare dei ragazzini che giocano. E dai ristoranti, dalle abitazioni, dai bar si diffonde nell’aria il tintinnio delle stoviglie sbattute una contro l’altra come fossero campanelle di cristallo in balia del vento. Anche di questi suoni vibra la voce di Venezia, di un’onda che accarezza una pietra, della pace di un canale rotta da una goccia che precipita all’improvviso dal cielo, dell’affondo del remo e dello strofinamento di una gondola sull’acqua, del cigolio delle corde che legano le barche alle briccole. Ed io, ancora in silenzio, procedo lasciando che il rimescolio dei miei pensieri e il fruscio dei miei passi non coprano il pulsare serafico di questa incantevole città. Due ponti, una calle e si sentono le esercitazioni di pianoforte, di violino, di organo sgusciare languidamente dalle finestre spalancate, dai portoni mezzi aperti, dalle pareti delle chiese. La musica di Venezia è questa silenziosa armonia di suoni e rumori che accarezza l’udito, ma è anche l’angosciante e obsoleto urlo mattutino della sirena dell’acqua alta, lo sciabordio degli stivali di gomma che cavalcano la marea, lo squittio degli impermeabili di plastica indosso ai turisti e dei loro schiamazzi di stupore, mischiato al tuc tuc delle rotelline dei carrelli o dei bagagli che cozzano contro il marmo dei ponti. E infine a regalare trasparenza alla voce di Venezia c’è il sordido sibilo della nebbia che sale fitta e che inghiotte il paesaggio accecando tutti e amplificando i suoni come in una scena del Nosferatu. Il cuore sobbalza perché la paura a Venezia è fatta di un buio reale, candido e quasi mistico, in cui la città sparisce alla vista, ma dove imperterrito riecheggia il brontolio sornione del mare.

ItalianPod101.com Verified
Monday at 06:23 PM
Your comment is awaiting moderation.

Hello Karl,


Thank you for posting.

Currently we're working on a New lesson interface.

Please leave your feedback here:

https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSdlBo_4qBSTeGszlS7UFg_1z-m2XKmIBAgo-hqD9-QbaVj6Wg/viewform?c=0&w=1

It would help us a lot.


Thank you,

Lena

Team ItalianPod101.com

Karl Wedemeyer
Friday at 01:52 AM
Your comment is awaiting moderation.

The voice recorder is not working properly. Also - it should be located further down on the page or be able to be shifted so that the text can be read while a voice recording is made.

ItalianPod101.com Verified
Thursday at 10:38 AM
Your comment is awaiting moderation.

Ciao Jane Thomas,


Che ricordo romantico :heart:

Please notice that "campanelle" means "little bells". You should use "campane" instead. The rest of the sentence is perfect :thumbsup:


Keep up the good work!

Ofelia

Team ItalianPod101.com

Jane Thomas
Wednesday at 12:15 AM
Your comment is awaiting moderation.

Mi ricordo il suono di molte campanelle delle chiese una sera di Domenica.- incantevole!


I remember the sound of many church bells on a Sunday evening- enchanting.