Dialogue

Vocabulary

Learn New Words FAST with this Lesson’s Vocab Review List

Get this lesson’s key vocab, their translations and pronunciations. Sign up for your Free Lifetime Account Now and get 7 Days of Premium Access including this feature.

Or sign up using Facebook
Already a Member?

Lesson Notes

Unlock In-Depth Explanations & Exclusive Takeaways with Printable Lesson Notes

Unlock Lesson Notes and Transcripts for every single lesson. Sign Up for a Free Lifetime Account and Get 7 Days of Premium Access.

Or sign up using Facebook
Already a Member?

Lesson Transcript

Giovanni Allevi
Alto, magro, riccioluto- questo ragazzo dall’aspetto dimesso e l’andatura dinoccolata è considerato dalla critica internazionale come il “genio italiano del pianoforte”, il “Mozart del 2000”. Nonostante l’immenso successo Giovanni Allevi, pianista e compositore trentaseienne di Ascoli Piceno, resta infatti un ragazzo timidissimo, che tuttavia, attraverso la sua musica, è capace di mandare in visibilio il suo pubblico.
Il successo tuttavia non è stato per questo giovane talento cosa facile da raggiungere- ci sono voluti infatti anni e anni di studio e applicazione, e soprattutto una grande passione, per riuscire a passare dai concerti per amici e parenti nella provincia marchigiana, ai palchi delle più grandi sale da concerto internazionali. Giovanni Allevi ha infatti studiato pianoforte al conservatorio di Perugia e composizione a quello di Milano. Una volta concluso il percorso formativo al conservatorio si è dedicato allo studio della musicoterapia al seguito del prof. Corradini e contemporaneamente si è laureato in filosofia con una tesi su “il vuoto nella fisica contemporanea”.
Genio poliedrico ed eclettico, Giovanni Allevi è capace di fondere nelle sue composizioni la tradizione classica europea con le nuove tendenze della musica classica contemporanea, senza disdegnare sonorità pop o rock. Aldilà del virtuosismo Allevi è tuttavia prima di tutto uno spirito sensibilissimo, capace con la sua tastiera di regalare ai suoi spettatori mille emozioni. Così ad esempio “Joy”, il suo ultimo album, è stato così intitolato perché un giorno, da poco tornato da una tournee in Cina, camminando per le strade di Milano, il giovane artista, sopraffatto dalla bellezza quotidiana della città, è stato colto da un attacco di panico. Come lui stesso racconta, mentre osservava la metropoli dai vetri dell’ambulanza, nella sua testa già si susseguivano le note del primo pezzo dell’album, intitolato per l’appunto “Panic”.

Review Track

3 Comments

Hide
Please to leave a comment.
😄 😞 😳 😁 😒 😎 😠 😆 😅 😜 😉 😭 😇 😴 😮 😈 ❤️️ 👍

ItalianPod101.com Verified
Thursday at 06:30 PM
Pinned Comment
Your comment is awaiting moderation.

I had to check out this musician. Man at one one with piano. Bellissimo. I am surprised what I am able to 'grasp' from listening to this blog. I get it without totally understanding it. I guess that is progress. grazie. SJ

Cinzia
Tuesday at 01:36 PM
Your comment is awaiting moderation.

Grazie a te Sonja!

I am glad you found Giovanni Allevi and you enjoyed his music!

He's such a great artist!

my favourite is IL NUOTATORE http://www.lastfm.it/music/Giovanni+Allevi/_/il+Nuotatore


I think this kind of music just gives you wings to fly!


C!

ItalianPod101.com Verified
Thursday at 06:30 PM
Your comment is awaiting moderation.

Italian:


Giovanni Allevi


Alto, magro, riccioluto: questo ragazzo dall’aspetto dimesso e l’andatura dinoccolata è considerato dalla critica internazionale come il “genio italiano del pianoforte”, il “Mozart del 2000”. Nonostante l’immenso successo Giovanni Allevi, pianista e compositore trentaseienne di Ascoli Piceno, resta infatti un ragazzo timidissimo, che tuttavia, attraverso la sua musica, è capace di mandare in visibilio il suo pubblico.


Il successo tuttavia non è stato per questo giovane talento cosa facile da raggiungere: ci sono voluti infatti anni e anni di studio e applicazione, e soprattutto una grande passione, per riuscire a passare dai concerti per amici e parenti nella provincia marchigiana, ai palchi delle più grandi sale da concerto internazionali. Giovanni Allevi ha infatti studiato pianoforte al conservatorio di Perugia e composizione a quello di Milano. Una volta concluso il percorso formativo al conservatorio si è dedicato allo studio della musicoterapia al seguito del prof. Corradini e contemporaneamente si è laureato in filosofia con una tesi su “il vuoto nella fisica contemporanea”.


Genio poliedrico ed eclettico, Giovanni Allevi è capace di fondere nelle sue composizioni la tradizione classica europea con le nuove tendenze della musica classica contemporanea, senza disdegnare sonorità pop o rock. Aldilà del virtuosismo Allevi è tuttavia prima di tutto uno spirito sensibilissimo, capace con la sua tastiera di regalare ai suoi spettatori mille emozioni. Così ad esempio “Joy”, il suo ultimo album, è stato così intitolato perché un giorno, da poco tornato da una tournee in Cina, camminando per le strade di Milano, il giovane artista, sopraffatto dalla bellezza quotidiana della città, è stato colto da un attacco di panico. Come lui stesso racconta, mentre osservava la metropoli dai vetri dell’ambulanza, nella sua testa già si susseguivano le note del primo pezzo dell’album, intitolato per l’appunto “Panic”.