Dialogue

Vocabulary

Learn New Words FAST with this Lesson’s Vocab Review List

Get this lesson’s key vocab, their translations and pronunciations. Sign up for your Free Lifetime Account Now and get 7 Days of Premium Access including this feature.

Or sign up using Facebook
Already a Member?

Lesson Notes

Unlock In-Depth Explanations & Exclusive Takeaways with Printable Lesson Notes

Unlock Lesson Notes and Transcripts for every single lesson. Sign Up for a Free Lifetime Account and Get 7 Days of Premium Access.

Or sign up using Facebook
Already a Member?

Lesson Transcript

La televisione italiana
La televisione italiana è un fenomeno relativamente recente- nacque infatti nel 1954. Per molti anni ha offerto un solo canale televisivo. Fino agli anni ’70, la pubblicità ha giocato un ruolo secondari- alcuni spot pubblicitari venivano trasmessi alle nove di sera, mandando in onda un vero e proprio show televisivo chiamato “carosello”. Questo programma trasmetteva sei o sette spot pubblicitari in sequenza, ma una volta finito, nella programmazione non era previsto nessun altro break pubblicitario.
Oggigiorno la televisione italiana offre numerosi canali- i primi tre appartengono alla televisione di stato, la RAI (Radiotelevisione italiana). Per i cittadini italiani che vogliono usufruire di questo servizio, è obbligatorio il pagamento annuale di un canone, grazie al quale la televisione pubblica riesce a finanziarsi.
Al suo fianco, fin dagli anni ’80, sono nati e cresciuti molti canali privati- questi sono stati da sempre completamente gratuiti, ma presentano molti break pubblicitari per potersi autofinanziare.
Mentre la televisione statale crea e promuove programmi e telegiornali italiani, quelle private, sin dalla loro nascita, hanno importato format televisivi, film e varietà dagli Stati Uniti. Se ti capitasse di accendere la televisione italiana e t’imbattessi in un programma americano come “Lost” o il “David Letterman Show”, non sorprenderti e non aspettarti di sentire i protagonisti parlare inglese. Infatti, anche se vengono importati programmi e film americani, questi sono soggetti a un’incredibile lavoro di doppiaggio, prima di essere trasmessi. Questo fenomeno non è così comune in altri paesi europei, che spesso mantengono la lingua originale e si limitano ad aggiungere i sottotitoli. La scuola italiana di doppiaggio è infatti una delle più prestigiose a livello mondiale.
Infine, la televisione satellitare e quella via cavo sono state introdotte recentemente come alternative. Puoi abbonarti a diversi pacchetti televisivi- se ami lo sport, puoi acquistare il pacchetto dei canali sportivi; se sei appassionato di cinema, puoi prenderti il pacchetto cinema e così via. Oltre a questo, l’abbonamento base alla televisione via cavo offre la messa in onda di importanti canali stranieri come la BBC e le emittenti americane CNN e FOX.

Review Track

4 Comments

Hide
Please to leave a comment.
😄 😞 😳 😁 😒 😎 😠 😆 😅 😜 😉 😭 😇 😴 😮 😈 ❤️️ 👍

ItalianPod101.com Verified
Thursday at 06:30 PM
Pinned Comment
Your comment is awaiting moderation.

La televisione italiana La televisione italiana è un fenomeno relativamente recente: nacque infatti nel 1954. Per molti anni ha offerto un solo canale televisivo. Fino agli anni ’70, la pubblicità ha giocato un ruolo secondario: alcuni spot pubblicitari venivano trasmessi alle nove di sera, mandando in onda un vero e proprio show televisivo chiamato “carosello”. Questo programma trasmetteva sei o sette spot pubblicitari in sequenza, ma una volta finito, nella programmazione non era previsto nessun altro break pubblicitario. Oggigiorno la televisione italiana offre numerosi canali: i primi tre appartengono alla televisione di stato, la RAI (Radiotelevisione italiana). Per i cittadini italiani che vogliono usufruire di questo servizio, è obbligatorio il pagamento annuale di un canone, grazie al quale la televisione pubblica riesce a finanziarsi. Al suo fianco, fin dagli anni ’80, sono nati e cresciuti molti canali privati: questi sono stati da sempre completamente gratuiti, ma presentano molti break pubblicitari per potersi autofinanziare. Mentre la televisione statale crea e promuove programmi e telegiornali italiani, quelle private, sin dalla loro nascita, hanno importato format televisivi, film e varietà dagli Stati Uniti. Se ti capitasse di accendere la televisione italiana e t’imbattessi in un programma americano come “Lost” o il “David Letterman Show”, non sorprenderti e non aspettarti di sentire i protagonisti parlare inglese. Infatti, anche se vengono importati programmi e film americani, questi sono soggetti a un’incredibile lavoro di doppiaggio, prima di essere trasmessi. Questo fenomeno non è così comune in altri paesi europei, che spesso mantengono la lingua originale e si limitano ad aggiungere i sottotitoli. La scuola italiana di doppiaggio è infatti una delle più prestigiose a livello mondiale. Infine, la televisione satellitare e quella via cavo sono state introdotte recentemente come alternative. Puoi abbonarti a diversi pacchetti televisivi: se ami lo sport, puoi acquistare il pacchetto dei canali sportivi; se sei appassionato di cinema, puoi prenderti il pacchetto cinema e così via. Oltre a questo, l’abbonamento base alla televisione via cavo offre la messa in onda di importanti canali stranieri come la BBC e le emittenti americane CNN e FOX. Have you watched Italian television? What did you find different to your country's television.

Marco
Tuesday at 09:10 AM
Your comment is awaiting moderation.

Dear roma55 thank you for the link to Italian TV.


Dear Jacqueline, I am happy you enjoy watching RAI.

Buona visione!

Happy viewing!

Jacqueline
Tuesday at 03:41 AM
Your comment is awaiting moderation.

I love RAI.

roma55
Sunday at 01:53 AM
Your comment is awaiting moderation.

For online Italian TV try:


http://mediahopper.com/


and select Italy for a good selection. New under Rai.


ciao!


roma55