Dialogue

Vocabulary

Learn New Words FAST with this Lesson’s Vocab Review List

Get this lesson’s key vocab, their translations and pronunciations. Sign up for your Free Lifetime Account Now and get 7 Days of Premium Access including this feature.

Or sign up using Facebook
Already a Member?

Lesson Notes

Unlock In-Depth Explanations & Exclusive Takeaways with Printable Lesson Notes

Unlock Lesson Notes and Transcripts for every single lesson. Sign Up for a Free Lifetime Account and Get 7 Days of Premium Access.

Or sign up using Facebook
Already a Member?

Lesson Transcript

I suoni di Venezia - parte 1
La voce di Venezia è trasparente. Non ho più dubbi ora, dopo che per un’intera giornata mi sono fermata ad ascoltarla. Ho lasciato che fosse Venezia a parlarmi questa volta e non il contrario come sempre succede. Sarà l’abitudine a tutta la magia che Venezia sprigiona a rendere i Veneziani così intorpiditi e disattenti, mi dico, sarà che quando si nasce qui non si può proprio immaginare come sia ricca l’esperienza sensoriale di chi invece a Venezia ci viene da turista.
Per una volta voglio provare a sentire la mia città con le orecchie di chi se la trova di fronte per la prima volta, ma voglio anche provare a ripescare nella memoria tutti i suoni che fanno la voce di questa mia Venezia così unica e irreale, così fuori dal mondo, così silenziosamente sonora.
A Venezia non ci sono automobili se non in quella manciata di metri quadri su cui sorge Piazzale Roma, il terminal veneziano degli autobus. È proprio qui, in questa piazza che non è una piazza bensì un intasato piazzale d’approdo per qualsiasi veicolo a ruote, che avviene il distacco tra noi e il mondo. Si lascia l’auto, la corriera, la moto, l’autobus, la bicicletta o quant’altro, si fanno due passi verso l’acqua e le consuete sonorità cittadine, cui tutti sono bene o male avvezzi, diventano all’improvviso un lontano ricordo- a Venezia si è barbaramente e miracolosamente privati dal frastuono del traffico, dal rombo dei motori, dal borbottio delle marmitte di scarico, dallo schiamazzare dei clacson e dallo stridio dei pneumatici sull’asfalto. Che delizia!
A Venezia non c’è l’asfalto. Sulle dure pietre d’Istria (i masegni per i Veneziani) su cui poggia la città, il rumore dei passi si fa nitido, ritmico e musicale, a volte sincopato, a volte dilatato tanto da poter indovinare le fattezze del camminatore dal sonoro delle suole sulla pietra- questo è un ragazzino, ecco un anziano, una donna tirata a festa, un cane di mezza taglia, un signore che va di fretta, una pantegana, il fantasma di mio zio! Venezia è umana – nelle orecchie – dal vocio sommesso di due vecchie amiche che si confidano tra la cupa quiete delle calli e dei sotoporteghi, fino allo strillare concitato degli ambulanti, dei batidori, dei barcaioli e dei turisti.

Review Track

1 Comment

Hide
Please to leave a comment.
😄 😞 😳 😁 😒 😎 😠 😆 😅 😜 😉 😭 😇 😴 😮 😈 ❤️️ 👍

ItalianPod101.com Verified
Thursday at 06:30 PM
Pinned Comment
Your comment is awaiting moderation.

I suoni di Venezia - parte 1 La voce di Venezia è trasparente. Non ho più dubbi ora, dopo che per un’intera giornata mi sono fermata ad ascoltarla. Ho lasciato che fosse Venezia a parlarmi questa volta e non il contrario come sempre succede. Sarà l’abitudine a tutta la magia che Venezia sprigiona a rendere i Veneziani così intorpiditi e disattenti, mi dico, sarà che quando si nasce qui non si può proprio immaginare come sia ricca l’esperienza sensoriale di chi invece a Venezia ci viene da turista. Per una volta voglio provare a sentire la mia città con le orecchie di chi se la trova di fronte per la prima volta, ma voglio anche provare a ripescare nella memoria tutti i suoni che fanno la voce di questa mia Venezia così unica e irreale, così fuori dal mondo, così silenziosamente sonora. A Venezia non ci sono automobili se non in quella manciata di metri quadri su cui sorge Piazzale Roma, il terminal veneziano degli autobus. È proprio qui, in questa piazza che non è una piazza bensì un intasato piazzale d’approdo per qualsiasi veicolo a ruote, che avviene il distacco tra noi e il mondo. Si lascia l’auto, la corriera, la moto, l’autobus, la bicicletta o quant’altro, si fanno due passi verso l’acqua e le consuete sonorità cittadine, cui tutti sono bene o male avvezzi, diventano all’improvviso un lontano ricordo: a Venezia si è barbaramente e miracolosamente privati dal frastuono del traffico, dal rombo dei motori, dal borbottio delle marmitte di scarico, dallo schiamazzare dei clacson e dallo stridio dei pneumatici sull’asfalto. Che delizia! A Venezia non c’è l’asfalto. Sulle dure pietre d’Istria (i masegni per i Veneziani) su cui poggia la città, il rumore dei passi si fa nitido, ritmico e musicale, a volte sincopato, a volte dilatato tanto da poter indovinare le fattezze del camminatore dal sonoro delle suole sulla pietra: questo è un ragazzino, ecco un anziano, una donna tirata a festa, un cane di mezza taglia, un signore che va di fretta, una pantegana, il fantasma di mio zio! Venezia è umana – nelle orecchie – dal vocio sommesso di due vecchie amiche che si confidano tra la cupa quiete delle calli e dei sotoporteghi, fino allo strillare concitato degli ambulanti, dei batidori, dei barcaioli e dei turisti.