Dialogue

Vocabulary

Learn New Words FAST with this Lesson’s Vocab Review List

Get this lesson’s key vocab, their translations and pronunciations. Sign up for your Free Lifetime Account Now and get 7 Days of Premium Access including this feature.

Or sign up using Facebook
Already a Member?

Lesson Notes

Unlock In-Depth Explanations & Exclusive Takeaways with Printable Lesson Notes

Unlock Lesson Notes and Transcripts for every single lesson. Sign Up for a Free Lifetime Account and Get 7 Days of Premium Access.

Or sign up using Facebook
Already a Member?

Lesson Transcript

La città di Napoli
Napoli è una città caotica, anarchica, confusionaria, chiassosa e bellissima, che intimidisce a primo impatto ma che conquista chi si lascia sedurre dal fascino dei suoi vicoli pulsanti di vita e dai suoi scorci sul mare mozzafiato.
Narra la leggenda che la sirena Partenope, disperata perché incapace di sedurre Ulisse, trovò la morte sull’isolotto di Megàride, dove in seguito fu costruito Castel dell’Ovo, uno dei monumenti più suggestivi della città. “Neapolis” fu in realtà fondata dai greci nel VII secolo a.C. che costruirono la città in base all’intersecazione di cardini e decumani, ossia di strade che si incrociano in maniera ortogonale. Ancora oggi le strade del centro storico ricalcano questa antica struttura, infatti, ogni volta che per qualche motivo si effettuano degli scavi, risalgono alla luce i resti delle antiche strade. E così, mentre si passeggia per il centro antico si ha la suggestiva sensazione che per metri e metri sotto i nostri piedi si estenda ancora la antica città greca, esattamente sotto la stessa struttura di quella attuale.
Nel 328 a.C. Napoli diventa parte dell’impero romano, in seguito si susseguirono secoli e secoli di dominazioni straniere- Bizantini, Normanni, Svevi, Angioini, Aragonesi, che contribuirono tutti a dare alla città il suo carattere così particolare, fatta di vicoli stretti dove si alternano palazzi e chiese di stili ed epoche diverse.
Alle bellezze artistiche si aggiungono quelle naturali- Napoli è nota per il suo golfo, che ospita le isole di Ischia, Procida e Capri e per la costiera amalfitana, con le sue terrazze di limoneti e i suoi strapiombi sul mare.
In un giro turistico napoletano non può mancare una visita ai quattro castelli della città, ossia il Maschio Angioino, Castel Sant’Elmo, Castel Capuano e il già citato Castel dell’Ovo. Una passeggiata al tramonto sulla riviera di Chiaia, ossia il lungomare che costeggia il golfo è imperdibile, così come una visita alle sue chiese come ad esempio Santa Chiara, con il suo chiostro fiorito, o la Chiesa del Gesù Nuovo, simbolo del lussureggiante Barocco Napoletano.
Oggi la città di Napoli conta 2˙500˙000 abitanti e rappresenta la terza città d’Italia. È una città molto difficile, tristemente conosciuta per le vicende di cronaca nera e per i problemi di amministrazione ma allo stesso tempo è una città unica, di una bellezza così particolare che farà sicuramente innamorare chi prova l’emozione di perdersi nel ventre di Napoli.

Review Track

7 Comments

Hide
Please to leave a comment.
😄 😞 😳 😁 😒 😎 😠 😆 😅 😜 😉 😭 😇 😴 😮 😈 ❤️️ 👍

ItalianPod101.com Verified
Thursday at 06:30 PM
Pinned Comment
Your comment is awaiting moderation.

La città di Napoli Napoli è una città caotica, anarchica, confusionaria, chiassosa e bellissima, che intimidisce a primo impatto ma che conquista chi si lascia sedurre dal fascino dei suoi vicoli pulsanti di vita e dai suoi scorci sul mare mozzafiato. Narra la leggenda che la sirena Partenope, disperata perché incapace di sedurre Ulisse, trovò la morte sull’isolotto di Megàride, dove in seguito fu costruito Castel dell’Ovo, uno dei monumenti più suggestivi della città. “Neapolis” fu in realtà fondata dai greci nel VII secolo a.C. che costruirono la città in base all’intersecazione di cardini e decumani, ossia di strade che si incrociano in maniera ortogonale. Ancora oggi le strade del centro storico ricalcano questa antica struttura, infatti, ogni volta che per qualche motivo si effettuano degli scavi, risalgono alla luce i resti delle antiche strade. E così, mentre si passeggia per il centro antico si ha la suggestiva sensazione che per metri e metri sotto i nostri piedi si estenda ancora la antica città greca, esattamente sotto la stessa struttura di quella attuale. Nel 328 a.C. Napoli diventa parte dell’impero romano, in seguito si susseguirono secoli e secoli di dominazioni straniere: Bizantini, Normanni, Svevi, Angioini, Aragonesi, che contribuirono tutti a dare alla città il suo carattere così particolare, fatta di vicoli stretti dove si alternano palazzi e chiese di stili ed epoche diverse. Alle bellezze artistiche si aggiungono quelle naturali: Napoli è nota per il suo golfo, che ospita le isole di Ischia, Procida e Capri e per la costiera amalfitana, con le sue terrazze di limoneti e i suoi strapiombi sul mare. In un giro turistico napoletano non può mancare una visita ai quattro castelli della città, ossia il Maschio Angioino, Castel Sant’Elmo, Castel Capuano e il già citato Castel dell’Ovo. Una passeggiata al tramonto sulla riviera di Chiaia, ossia il lungomare che costeggia il golfo è imperdibile, così come una visita alle sue chiese come ad esempio Santa Chiara, con il suo chiostro fiorito, o la Chiesa del Gesù Nuovo, simbolo del lussureggiante Barocco Napoletano. Oggi la città di Napoli conta 2?500?000 abitanti e rappresenta la terza città d’Italia. È una città molto difficile, tristemente conosciuta per le vicende di cronaca nera e per i problemi di amministrazione ma allo stesso tempo è una città unica, di una bellezza così particolare che farà sicuramente innamorare chi prova l’emozione di perdersi nel ventre di Napoli. How big is the city where you live?

ItalianPod101.com Verified
Tuesday at 11:03 PM
Your comment is awaiting moderation.

Ciao Angela!


Il "cardine" era la strada perpendicolare al "decumano" nelle antiche città romane. Erano le strade principali, quindi sì, puoi anche dire "arteria/strada principale".


Esatto, la via dei Tribunali è un decumano, il decumano maggiore. 😉


Ecco alcune correzioni per te:

Nel estate di 2019 -> Nell'estate del 2019

"camminare" è un verbo intransitivo (= non seguito dal complemento oggetto). Non puoi dire "camminare un luogo", devi dire "camminare + preposizione". Quindi non "camminare una via", ma "camminare per/in una via".


A presto,

Valentina

Team ItalianPod101.com

Angela
Friday at 10:45 PM
Your comment is awaiting moderation.

"Qual'è il cardine di questa città?" vuol dire "Qual'è l'arteria principale ...", o "Qual'è la strada principale..." ?


(Grazie per questa lezione. Nel estate di 2019 ho camminato un po' la Via dei Tribunali. È uno dei tre decumani, non è vero? Ho camminato a Pio Monte della Misericordia, la quale raccomando a tutti.

Muoio dalla voglia di tornare a Napoli e di camminare tutti questi decumani e cardini e quartieri!)

ItalianPod101.com Verified
Thursday at 12:56 PM
Your comment is awaiting moderation.

Ciao Vincent,


Grazie a te!

"per la velocita del aggiustamento" is clear :thumbsup:

"per l'efficienza" ("for the efficiency") would sound more natural :wink:

Di solito a maggio in Italia fa molto caldo. Sono sicura che vi piacerà!


Buon studio!

Ofelia

Team ItalianPod101.com

Vincent
Monday at 10:13 PM
Your comment is awaiting moderation.

Da vero, Cinzia a fatto un bellissimo lavoro! Bravi a tutti, specialmente per la velocita del aggiustamento (?). Gazie, e avanti con la lengua Italiana. Penso di aver fatto molti progressi (oltre che scrivere) con tutti questi lezioni. Mia moglie ed io speriamo di visitare Roma e Fierenza nel mese di Maggio. Adesso penso che doviamo fare un scorcio anche a Napoli.


Vincent

ItalianPod101.com Verified
Monday at 04:55 PM
Your comment is awaiting moderation.

Ciao Vincent,


Abbiamo aggiustato questa lezione. I paragrafi sono un po' lunghi, ma Cinzia legge molto chiaramente!


Grazie e a presto,

Ofelia

Team ItalianPod101.com

Vincent
Tuesday at 09:58 PM
Your comment is awaiting moderation.

Che peccato che le buttone di suono non functiono nelle "lesson materials." O forse questo e in honore della citta "caotica, anarchica, confusionaria"?