Dialogue

Vocabulary

Learn New Words FAST with this Lesson’s Vocab Review List

Get this lesson’s key vocab, their translations and pronunciations. Sign up for your Free Lifetime Account Now and get 7 Days of Premium Access including this feature.

Or sign up using Facebook
Already a Member?

Lesson Notes

Unlock In-Depth Explanations & Exclusive Takeaways with Printable Lesson Notes

Unlock Lesson Notes and Transcripts for every single lesson. Sign Up for a Free Lifetime Account and Get 7 Days of Premium Access.

Or sign up using Facebook
Already a Member?

Lesson Transcript

Pecunia non olet
Il sole non dev’essere sorto da troppo, né i gatti né i topi hanno ancora cominciato a darsi da fare per la colazione e poi il tipo che mi sveglia, tirando un euro nel cappello che è a terra, è uno spazzino della N.U. (Nettezza Urbana), con tuta e scopa regolamentari. Devo avere una gran brutta cera, i barboni che dormono ai Fori di solito li cacciano e basta, altro che elemosina. Vaglielo a spiegare che ho solo avuto un problemino con l’alcol, ieri notte. Nemmeno me lo ricordo come ci sono arrivato qui, e poi, perché complicarsi la giornata dall’inizio- con quest’euro ci faccio colazione, un caffè gentilmente offerto dal comune.
Pecunia non olet giusto? Certo, sotto questi mozzichi di colonne, su e giù per questi gradini di soldi ce ne sono passati in quasi mille anni di negotium. Ma forse forse, caro Vespasiano, avevi torto- in fondo più dei marmi dei templi e dei loro dei, più dei nomi degli imperatori e dei rostri, su queste pietre è rimasta la puzza- l’odore di piscio sembra non voler abbandonare queste rovine, come un fantasma o l’eco di una metropoli dell’antichità.
Roma è ancora una città stupenda, perché a giugno le notti sono così miti che puoi addormentarti ai Fori in tutta tranquillità, come ai tempi del Marchese del Grillo, senza temere più di tanto, e svegliarti in una mattina dorata tra le colonie di gatti che furono della Magnani. Penso a questo mentre sbadiglio e mi stiro, e che le colonne che ho di fronte, quelle del tempio di Marte Ultore, voluto da Augusto in persona, lui non fece in tempo a vederle ed io invece me le godo.
Comincio a camminare verso l’uscita dell’area archeologica, attraverso il foro di Augusto, quello di Cesare, quello di Nerva, scavalco una recinzione e sono su via dei fiori. Respiro un po’ di silenzio qui dove non c’è quasi mai stato. Guardo verso il Tevere che sta laggiù da qualche parte, nascosto dalle case degli uomini, quello era il quartiere più povero di Roma antica, la Suburra. Alla destra c’è il Colosseo, a sinistra piazza Venezia ha sepolto il Foro di Traiano.
Mi viene un po’ da ridere- nessuno di questi grandi imperatori pensò mai di distruggere l’opera dei suoi predecessori solo per sostituirla con i propri monumenti, aggiungevano, ampliavano, ma non distruggevano mai qualcosa di utile e bello per puro orgoglio. Il primo a cui venne in mente fu Benito Mussolini, che decise di costruire questa bella striscia di cemento, che oggi porta il nome di via dei Fori Imperiali, proprio in mezzo ai Fori antichi, e non aveva conquistato la Gallia come Cesare, né la Dacia come Traiano, ma il suo piccolo, nuovo, anacronistico, impero coloniale- l’Etiopia, l’Eritrea, la Somalia, la Libia.
A pensarci fa un po’ ridere, asfaltare le strade dove per secoli si erano celebrati i trionfi di un impero vero per le parate di uno da operetta.
Sbadiglio e rido insieme mentre scuoto la testa. È ora di colazione e comincio ad avere fame, rigiro quell’euro tra le dita e penso che di certo lo sapeva anche Benito- pecunia non olet.

Review Track

17 Comments

Hide
Please to leave a comment.
😄 😞 😳 😁 😒 😎 😠 😆 😅 😜 😉 😭 😇 😴 😮 😈 ❤️️ 👍

ItalianPod101.com Verified
Thursday at 06:30 PM
Pinned Comment
Your comment is awaiting moderation.

Pecunia non olet Il sole non dev’essere sorto da troppo, né i gatti né i topi hanno ancora cominciato a darsi da fare per la colazione e poi il tipo che mi sveglia, tirando un euro nel cappello che è a terra, è uno spazzino della N.U. (Nettezza Urbana), con tuta e scopa regolamentari. Devo avere una gran brutta cera, i barboni che dormono ai Fori di solito li cacciano e basta, altro che elemosina. Vaglielo a spiegare che ho solo avuto un problemino con l’alcol, ieri notte. Nemmeno me lo ricordo come ci sono arrivato qui, e poi, perché complicarsi la giornata dall’inizio: con quest’euro ci faccio colazione, un caffè gentilmente offerto dal comune. Pecunia non olet giusto? Certo, sotto questi mozzichi di colonne, su e giù per questi gradini di soldi ce ne sono passati in quasi mille anni di negotium. Ma forse forse, caro Vespasiano, avevi torto: in fondo più dei marmi dei templi e dei loro dei, più dei nomi degli imperatori e dei rostri, su queste pietre è rimasta la puzza: l’odore di piscio sembra non voler abbandonare queste rovine, come un fantasma o l’eco di una metropoli dell’antichità. Roma è ancora una città stupenda, perché a giugno le notti sono così miti che puoi addormentarti ai Fori in tutta tranquillità, come ai tempi del Marchese del Grillo, senza temere più di tanto, e svegliarti in una mattina dorata tra le colonie di gatti che furono della Magnani. Penso a questo mentre sbadiglio e mi stiro, e che le colonne che ho di fronte, quelle del tempio di Marte Ultore, voluto da Augusto in persona, lui non fece in tempo a vederle ed io invece me le godo. Comincio a camminare verso l’uscita dell’area archeologica, attraverso il foro di Augusto, quello di Cesare, quello di Nerva, scavalco una recinzione e sono su via dei fiori. Respiro un po’ di silenzio qui dove non c’è quasi mai stato. Guardo verso il Tevere che sta laggiù da qualche parte, nascosto dalle case degli uomini, quello era il quartiere più povero di Roma antica, la Suburra. Alla destra c’è il Colosseo, a sinistra piazza Venezia ha sepolto il Foro di Traiano. Mi viene un po’ da ridere: nessuno di questi grandi imperatori pensò mai di distruggere l’opera dei suoi predecessori solo per sostituirla con i propri monumenti, aggiungevano, ampliavano, ma non distruggevano mai qualcosa di utile e bello per puro orgoglio. Il primo a cui venne in mente fu Benito Mussolini, che decise di costruire questa bella striscia di cemento, che oggi porta il nome di via dei Fori Imperiali, proprio in mezzo ai Fori antichi, e non aveva conquistato la Gallia come Cesare, né la Dacia come Traiano, ma il suo piccolo, nuovo, anacronistico, impero coloniale: l’Etiopia, l’Eritrea, la Somalia, la Libia. A pensarci fa un po’ ridere, asfaltare le strade dove per secoli si erano celebrati i trionfi di un impero vero per le parate di uno da operetta. Sbadiglio e rido insieme mentre scuoto la testa. È ora di colazione e comincio ad avere fame, rigiro quell’euro tra le dita e penso che di certo lo sapeva anche Benito: pecunia non olet. Has anyone been to Roma? Tell us about your trip!

ItalianPod101.com Verified
Thursday at 12:15 AM
Your comment is awaiting moderation.

Ciao Angela,

siamo felici che la lezione ti sia piaciuta!


"mozzichi" è il plurale di "mozzico". È una parola che viene dal verbo "mozzicare" (= mordere). Su altri dizionari la trovi (per esempio: https://www.treccani.it/vocabolario/mozzico/)


Anche "mozzicone" viene dal verbo "mozzicare", ma si usa di solito con "sigaretta" o "matita" (per terra ci sono molti mozziconi di sigarette. / Ormai questa matita è solo un mozzicone)


A presto!

Valentina

Team ItalianPod101.com

Angela
Wednesday at 12:14 AM
Your comment is awaiting moderation.

"mozzichi" = "bite, end". "Due mozzichi di panino" = "Two bites of sandwich."


Questa parola "mozzichi" è singulare e anche plurale? (il mozzichi; i mozzichi --?)


(Non la trovo nel mio dizionario -- Cassell 1958-67-- ma trovo "mozzichone (n.m.) = stump, fragment, cigar stub; plural, mozzichi".)


Una lezione molto interessante. Grazie!

ItalianPod101.com
Saturday at 02:36 PM
Your comment is awaiting moderation.

Hi Elizabeth,


Brava! ...non me ne ero accorta neanche io!


Ofelia

Team ItalianPod101.com

ELIZABETH
Monday at 08:56 AM
Your comment is awaiting moderation.

Che storia fantastica! Non mi sono accorta fino quasi alla fine della storia che l’oratore si stesso fosse uno dei “barboni”.

What a great story! I did not realize until almost the end of the story that the speaker himself was one of the homeless ("bums").

ItalianPod101.com Verified
Friday at 11:05 AM
Your comment is awaiting moderation.

Ciao Anne,


L'ha scritta uno dei nostri collaboratori.

Puoi controllare chi sono i membri del team su questa pagina.


Grazie e a presto!

Ofelia

Team ItalianPod101.com

Anne
Thursday at 03:51 AM
Your comment is awaiting moderation.

Bella storia. Chi l'ha scritto?

ItalianPod101.com Verified
Thursday at 04:59 PM
Your comment is awaiting moderation.

Hi Jane Thomas,


I think this is an original text, with a lot of colloquial expressions ...not so necessary to survive in Italy :grin:

Here are some information about the Latin saying: https://en.wikipedia.org/wiki/Pecunia_non_olet


Grazie,

Ofelia

Team ItalianPod101.com

Jane Thomas
Wednesday at 02:18 AM
Your comment is awaiting moderation.

Is this an extract from a famous book?

ItalianPod101.com Verified
Monday at 10:17 PM
Your comment is awaiting moderation.

Great to know that Beryl Barratt!

Wish you all the luck:smile:


Cheers,

Neha

Team ItalianPod101.com

Beryl Barratt
Thursday at 11:28 PM
Your comment is awaiting moderation.

Yes, I do enjoy your lessons - very much.